Giotto Ulivi, via al secondo lotto di lavori per l’adeguamento antisismico

Il liceo Giotto Ulivi di Borgo San Lorenzo (foto da ‘Il filo’)

La Città Metropolitana di Firenze ha programmato il secondo lotto dei lavori di adeguamento alla normativa antisismica del liceo Giotto Ulivi a Borgo San Lorenzo. La prima fase è stata avviata in questi giorni con le opere di predisposizione delle fondazioni a partire dall’edificio C per poi proseguire con le parti indicate come D, E, F.
“I lavori – spiega Giampiero Mongatti, consigliere della Metrocittà delegato alla Rete scolasica –  verranno svolti a partire dalle ore 14 per non interferire con la didattica fino alla conclusione delle attività scolastiche a metà giugno. Le lavorazioni verranno comunque sospese in occasione delle date delle prove scritte degli esami di stato”.
Le corti interne tra i corpi C-D, D-E ed E-F verranno di volta in volta interamente occupate dal cantiere per consentire le lavorazioni.
L’accesso alle corti per esigenze di cantiere avverrà tramite la strada già esistente tra l’edificio Chino Chini ed il Giotto Ulivi. Per questo motivo la mobilità pedonale interna tra i plessi Chino Chini e Giotto Ulivi dovrà essere modificata.
I lavori prevedono l’edificazione dei setti in cemento armato a partire dall’edificio C, per poi proseguire con gli edifici D, E ed F.
L’impresa provvederà a realizzare, all’interno delle aule coinvolte dalle lavorazioni, un pannello di separazione (posizionato indicativamente a metà aula e parallelo alla parete esterna) che delimiti il cantiere dall’interno della scuola.
Al fine di arrecare il minor disturbo all’attività scolastica e di minimizzare le conseguenze di possibili imprevisti nella fase delle lavorazioni, gli interventi saranno eseguiti prevedendo la demolizione la successiva costruzione dei setti in cemento armato per ogni singolo corpo, subordinando l’inizio delle lavorazioni sul corpo successivo al completamento dell’intervento del corpo precedente.
Considerato che a settembre 2018 dovrà in ogni modo iniziare l’attività didattica, che non potrà prescindere dalla disponibilità delle aule coinvolte nelle lavorazioni. La prima fase si concluderà ad agosto di quest’anno, mentre la seconda sarà avviata a settembre per concludersi, indicativamente, nel febbraio 2019.
Iniziata l’attività didattica saranno installati i controventi metallici previsti nei corpi A e B. Verranno realizzati in officina e quindi trasportati in cantiere dove verranno assemblati e posti in opera.
In accordo con la direzione scolastica sarà consentito alla scuola di utilizzare i corpi E ed F fino alla fine di luglio. Nel caso si ravvisi la possibilità di non poter concludere i lavori in queste due parti del liceo entro agosto 2018, gli stessi saranno rinviati all’estate del 2019. (mb)

MENU