Elezioni metropolitane 2019 – FAQ

Elezioni 2019 – FAQ

Il Sindaco della Città Metropolitana di Firenze ha indetto con proprio Atto N. 31 del 01/08/2019 i comizi elettorali per l’elezione del Consiglio Metropolitano della Città Metropolitana di Firenze, disponendo che le operazioni di voto si tengano il giorno 29 settembre 2019.

Il decreto d’indizione è stato pubblicato all’Albo Pretorio On Line dell’ente nonché nella sezione del sito dedicata alle elezioni metropolitane.

L’ufficio elettorale deve essere appositamente costituito presso l’Amministrazione Metropolitana (art. 1, comma 29, L. 56/2014).

Il Sindaco Metropolitano di Firenze con proprio Atto n. 32 del 01/08/2019 ha proceduto a costituire l’Ufficio Elettorale individuando il seguente personale:

  • Segretario Generale / Vice Segretario Generale dell’ente quale responsabile dell’Ufficio Elettorale
  • Dirigente della Direzione Risorse umane e Organizzazione – Dott.ssa Laura Monticini;
  • Dirigente della Direzione Gare e Contratti – Dott. Otello Cini;
  • Dirigente della Direzione Comunicazione e informazione – Dott. Gianfrancesco Apollonio

rimandando a successivo atto del responsabile dell’Ufficio Elettorale l’individuazione dei dipendenti da coinvolgere nelle operazioni elettorali.

Il Vice Segretario Generale Dott. Rocco Conte con proprio Atto n.2461 del 29/08/2019 ha assegnato all’Ufficio Elettorale il seguente personale dell’ente:

  • Dott.sa Alessandra Tozzi – responsabile “Segreteria generale" con funzione anche di supporto all’ ”Ufficio elettorale”;
  • Sigg.ri Tiziana Tamberi, Stefano Tatini e Giuseppe Vazzana assegnati alla Segreteria Generale;
  • Dott.sa Karen Claudia Nielsen assegnata alla direzione “Comunicazione e informazione”;
  • Dott. Michele Brancale, P.O. “Comunicazione e informazione”;
  • Ing. Jurgen Assfalg, P.O. “Sviluppo sistema informativo, e progetti di innovazione tecnologica”;
  • Sig. Massimo Mazzoni assegnato alla “Direzione Generale”
  • Sig.re Antonella Ciampi e Roberta Romoli assegnate alla direzione “Risorse umane e organizzazione”;

Il corpo elettorale è costituito dal Sindaco e dai Consiglieri dei Comuni del territorio della Città Metropolitana di Firenze in carica alla data del 25 agosto 2019.

Il numero complessivo degli aventi diritto al voto, sulla base delle cariche “spettanti” ai Comuni del territorio metropolitano, è in numero 687 elettori.

Tale numero è ovviamente suscettibile di modifica in sede di determinazione degli aventi diritto al voto effettivi.

Il Vice Segretario Generale dell’ente ha già inviato, in data 24 luglio 2019, apposita nota PEC a tutti i Comuni interessati per ricordare loro l’adempimento dovuto, cui è seguita nota PEC di sollecito datata 19 Agosto 2019.

Se intervengono variazioni nel corpo elettorale (dimissioni surroghe ecc...) dal 25 agosto al 28 settembre 2019 (giorno antecedente la data delle elezioni), il Segretario Comunale dell’ente interessato lo deve comunicare tempestivamente all’Ufficio elettorale della Città Metropolitana di Firenze e tale variazione sarà annotata direttamente sulla Lista Sezionale.

In data 30 agosto 2019 è stato pubblicato all’albo pretorio della Città Metropolitana di Firenze Atto dirigenziale N° 2467 del 30/08/2019 con il quale è stato reso noto il numero complessivo degli aventi diritto al voto (687), ai fini del corretto calcolo del numero minimo di sottoscrizioni a corredo della presentazione delle liste di candidati a consigliere metropolitano.

Le liste di candidati al Consiglio Metropolitano devono essere presentate all’Ufficio elettorale presso l’U.R.P. Via Cavour 7/r, Firenze dalle 8 alle 20 di domenica 8 settembre 2019 e dalle 8 alle 12 di lunedì 9 settembre 2019.

Le liste di candidati per il Consiglio Metropolitano devono essere composte da un numero minimo di candidati pari alla metà dei consiglieri da eleggere (quindi 9 candidati) ed un numero massimo di 18. In caso di liste che superano tale limite, l'Ufficio elettorale ricuserà le ultime candidature in base all'ordine di presentazione della lista stessa.

Le liste dei candidati devono essere sottoscritte da almeno il 5% degli aventi diritto al voto. In base al dato dei Sindaci e consiglieri comunali “spettanti” (687) tale percentuale corrisponde ad un minimo di 35 sottoscrittori. Tale numero è indicato a titolo esemplificativo in quanto l’effettivo numero di sottoscrittori minimi richiesti sarà calcolato sulla base degli aventi diritto effettivi (individuati con Atto dirigenziale N° 2467 del 30/08/2019 in numero 687).

REQUISITI DELLE LISTE (da redigere sul modulo disponibile presso la sezione Elezioni metropolitane 2019 – Documenti e Modulistica ovvero in forma libera). Esse devono recare il contrassegno elettorale di forma circolare al cui interno possono essere contenuti simboli di partiti o gruppi politici del Parlamento nazionale o europeo o nel consiglio regionale. In tal caso deve essere depositato un atto di autorizzazione da parte del presidente o segretario o rappresentante legale nazionale o provinciale del partito o gruppo politico, autenticato ex legge 53/1990 art. 14. I contrassegni depositati non devono essere tra loro confondibili, non possono riportare simboli o diciture tradizionalmente usati da altri partiti o movimenti politici e non devono riprodurre soggetti religiosi, pena la ricusazione,

  • devono riportare nome, cognome, data e luogo di nascita dei candidati e sottoscrizione autenticata secondo l’articolo 14 della legge n. 53/1990.
  • devono essere accompagnate dalle dichiarazioni di accettazione della candidatura, anch’esse autenticate ex art. 14 legge n. 53/1990.
  • Nelle liste nessuno dei due sessi puo' essere rappresentato in misura superiore al 60 per cento del numero dei candidati, con arrotondamento all'unita' superiore qualora il numero dei candidati del sesso meno rappresentato contenga una cifra decimale inferiore a 50 centesimi. In caso contrario, l'ufficio elettorale riduce la lista, cancellando i nomi dei candidati appartenenti al sesso piu' rappresentato, procedendo dall'ultimo della lista.
  • possono contenere la designazione di un delegato effettivo ed, eventualmente, di uno supplente, che possa ricevere le comunicazioni dall’ufficio elettorale di accettazione o ricusazione della liste, presenziare alle operazioni dell’Ufficio elettorale di sorteggio del numero d’ordine delle liste designando anche i rappresentanti di lista. In mancanza di tali delegati ogni comunicazione sarà rivolta al capolista che potrà svolgere direttamente le attività dei delegati.
  • Al “presentatore” della lista sarà richiesto, al momento della consegna, il recapito di un telefono cellulare e di un’indirizzo mail valido per le successive comunicazioni.

Nessun candidato può accettare la candidatura in più liste. I candidati non possono sottoscrivere le liste per il consiglio né della propria lista né di altre liste o candidature concorrenti.

L’Ufficio elettorale, al ricevimento delle liste, procederà ad assegnare a ciascuna di esse un numero di protocollo ed a restituire ricevuta di avvenuta consegna.

L’Ufficio Elettorale deve effettuare e completare l’esame di ammissione delle liste immediatamente prima della adozione del provvedimento definitivo di ammissione o ricusazione delle stesse.

Operazioni da svolgere a cura dell’Ufficio Elettorale:

  • verificare che le liste dei candidati siano state presentate nei termini (8 e 9 settembre). Ricusare le liste presentate fuori dai termini.
  • verificare che siano state prodotte e siano regolari le dichiarazioni di accettazione delle candidature
  • verificare che i candidati siano effettivamente Sindaci o Consiglieri comunali. Ricusare le eventuali candidature di persone non eleggibili
  • verificare che le liste siano state prodotte nel rispetto del numero minimo di candidati previsto (minimo 9), che contengano le necessarie sottoscrizioni (minimo 35), che tali sottoscrizioni siano regolarmente autenticate. Ricusare le liste che non rispettano il numero minimo dei candidati e/o che le cui sottoscrizioni siano inferiori al numero minimo richiesto e/o che non siano regolarmente autenticate.
  • verificare che i contrassegni non siano confondibili fra loro o confondibili con simboli e diciture utilizzate tradizionalmente da altri partiti o movimenti, non rechino immagini religiose e, qualora rechino simboli di partiti, che ne sia stato autorizzato l’uso da parte del legale rappresentante con dichiarazione autenticata. In caso di contrassegno non rispettante dette prescrizioni deve essere inviata richiesta, a cura dell’ufficio elettorale, al presentatore della lista che deve provvedere alla sostituzione del contrassegno entro max 24 ore pena la ricusazione della lista
  • per ogni altra sanatoria di irregolarità o per ogni eventuale integrazione istruttoria l’ufficio elettorale può assegnare un termine di max 24 ore pena la ricusazione della lista.
  • verificare eventuali doppie sottoscrizioni di liste. Considerare valida solo la sottoscrizione autenticata prima

Completato l’esame delle liste l’Ufficio elettorale deve subito comunicare l’esito ai delegati delle liste o, ove non ci siano delegati, ai capolista.

L’eventuale richiesta di integrazioni/sanatorie sarà tempestivamente comunicata mediante mail o telefono, al delegato, ove indicato, o al capolista della lista interessata indicando altresì il termine assegnato per la regolarizzazione.

L’Ufficio elettorale adotta il provvedimento definitivo di ammissione o ricusazione delle liste prima della loro pubblicazione.

L’ammissione o ricusazione delle liste avverrà tramite verbale redatto dall’Ufficio elettorale. L’eventuale ricusazione sarà tempestivamente comunicata al delegato, ove indicato, o al capolista della lista interessata.

Il giorno stesso dell’adozione del provvedimento o il giorno dopo l’Ufficio elettorale convoca, via mail o telefono, ai recapiti posseduti, i delegati, ove indicati, o i capolista delle liste ammesse e procede al sorteggio del numero d’ordine in base al quale i contrassegni delle liste dovranno essere riportati sulle schede di votazione.

Entro il 20 settembre 2019 le liste con i nominativi dei candidati a consigliere metropolitano, secondo l’ordine risultante dal sorteggio effettuato dall’Ufficio elettorale, saranno pubblicate sul sito internet della Città Metropolitana di Firenze http://www.cittametropolitana.fi.it/elezioni-metropolitane-2019/
Con apposito atto del Segretario Generale si procede all’individuazione, all’interno dell’Ufficio Elettorale, del personale da assegnare al seggio elettorale che deve essere composto da:
  • un Dirigente o Funzionario in veste di Presidente
  • quattro Funzionari o Impiegati di cui uno con funzioni di Segretario.
Per il territorio della Città Metropolitana di Firenze la Circolare del Ministero dell’Interno n. 32/2014 prevede un solo seggio elettorale.

Predisposizione della Lista sezionale contenente l’elenco degli aventi diritto al voto. Il contingente degli aventi diritto al voto è formato dai Sindaci e Consiglieri Comunali in carica al 25 agosto 2019 tenendo altresì conto di eventuali modifiche a detto contingente intervenute successivamente a tale data e comunicate all’Ufficio elettorale dai Segretari Comunali.

La Lista sezionale contiene le generalità degli elettori (nome cognome, sesso, data e luogo di nascita).

La lista non deve essere necessariamente in ordine alfabetico complessivo.

L’elenco suggerito, dalla sopracitata Circolare n. 32/2014, sarà suddiviso per fascia demografica, poi in ordine alfabetico per ciascun Comune di appartenenza.

All’interno di ogni Comune verrà indicato prima il Sindaco e poi i Consiglieri. La lista sezionale verrà colorata, così come suggerito dalla stessa Circolare, in base alla fascia demografica del Comune così da agevolare la consegna della scheda del giusto colore all’elettore, al momento del voto.

Per agevolare le operazioni del seggio ed ammettere a votare più elettori contemporaneamente è possibile suddividere la Lista Sezionale in due distinti elenchi.

MENU