2015: turismo record per Firenze e la Città Metropolitana

Superati 13,6 milioni di pernottamenti (+4,8%, cioè oltre 630 mila presenze). A Firenze per la prima volta oltrepassati i 9 milioni(480 mila presenze in più, +5,6%). Bettarini e Bassi illustrano i dati

Un'immagine di Firenze (foto di Antonello Serino, redazione di Met)

Record storico per il turismo a Firenze che nel 2015 supera per la prima volta i 9 milioni di pernottamenti segnando un +5,6 per cento. Aumentano anche i flussi turistici nella città metropolitana con 13,6 milioni di presenze pari al +4,8 per cento. I dati, raccolti dall’ufficio turismo della Città metropolitana ed elaborati dal Centro Studi Turistici di Firenze, sono stati presentati oggi in Palazzo Vecchio dall’assessore allo Sviluppo economico e turismo Giovanni Bettarini, dal consigliere metropolitano con delega al turismo Angelo Bassi e dal direttore del Cst Alessandro Tortelli.
“Il 2015 è stato un anno da record – ha detto Bettarini – Per la prima volta nella storia di Firenze abbiamo superato 9 milioni di presenze, con gli indicatori tutti positivi e che crescono in tutti i mesi dell’anno. Sono dati davvero eccezionali che riguardano anche i mesi cosiddetti di bassa stagione, in particolare quelli dedicati tradizionalmente al turismo congressuale come maggio, settembre e ottobre”. 
Uno dei dati più interessanti “è che nella città di Firenze gli arrivi aumentano del 2,4% mentre le presenze del 5,6% passando da due notti e mezzo a 2,6 con un incremento della permanenza che è il doppio di quello degli arrivi. Questo ha effetti importanti da tutti i punti di vista perché significa crescita di tutti i musei e più in generale di tutti i settori connessi al turismo. Registriamo anche alcuni dati eclatanti – ha concluso l’assessore – come la crescita dei turisti cinesi con un incremento del 26,5% o coreani che segnano un +30 per cento. Da questi paesi ci aspettiamo molto, mentre rimangono sempre primi americani e inglesi che rappresentano la base del nostro turismo”. 
“La Città Metropolitana di Firenze – sottolinea Bassi – ha registrato un grande successo per l’apertura temporanea del percorso archeologico di Palazzo Medici Riccardi. La Metrocittà valorizza il suo patrimonio e al tempo stesso è proiettata nel far crescere quei quattro milioni di visitatori che fanno la differenza in rapporto al capoluogo”. 
Come è noto i tecnici sono a lavoro per la creazione di un itinerario archeologico di 50 metri in Palazzo Medici Riccardi. Sono stati riportati alla luce e sono visibili anche il letto su cui scorreva il Mugnone in epoca romana e una sponda del fiume. Rinvenuti anche la piattaforma di un forno, predisposto probabilmente anche per bruciarvi aromi, due pozzi di particolare valore architettonico e la stalla del Palazzo.
“Fino al 25 gennaio 2016 – conclude Bassi – il cantiere è stato reso accessibile per tre settimane ai turisti, con l’acquisto del biglietto per il percorso museale, grazie a 24 visite guidate che hanno una durata di un’ora. Le prenotazioni sono andate esaurite”. 
Secondo le rilevazioni ufficiali raccolte mensilmente dal servizio Turismo della città metropolitana ed elaborati dal Centro studi turistici di Firenze, La città di Firenze supera per la prima volta i 9 milioni di pernottamenti con una crescita sia degli arrivi (+2,4% pari a +80mila unità) sia delle presenze (+5,6% pari a circa 480 mila pernottamenti), con una crescita della permanenza media. Sono sempre gli stranieri a trainare il settore in città raggiungendo il 76% di share con oltre 6,8milioni di pernottamenti.
Cresce in particolare il mercato americano con oltre 5 punti percentuale per oltre 1,3milioni di pernottamenti; in aumento anche gli spagnoli e gli inglesi con percentuali importanti. Continua la crescita di flussi di turisti cinesi con un incremento del 26% rispetto al 2014. 
Interessante nel 2015 la performance del mercato coreano che raggiunge circa 170mila pernottamenti con una crescita di oltre 40mila presenze annue. In città è il settore extralberghiero a registrare la maggiore crescita in valori percentuali (+10,2% pari a circa 190mila presenze) anche se le strutture alberghiere e in particolare i 3, 4 e 5 stelle registrano buoni risultati (+4,3% pari a 290mila pernottamenti).
Nell’area della città metropolitana, l’andamento dei flussi turistici per l’anno 2015 è stato caratterizzato da una crescita sia degli arrivi (+125mila unità pari al +2,6%) sia delle presenze sul territorio metropolitano (+630 mila pernottamenti pari al +4,8%), grazie alla domanda straniera ma anche a un buon risultato della domanda italiana.
La domanda straniera cresce di oltre il 5% rispetto all’anno precedente portando a oltre 10 milioni i pernottamenti. In crescita anche il mercato nazionale con un incremento annuo del 4 per cento. Fra le nazionalità spicca ancora il dato degli Stati Uniti che si confermano il primo mercato estero di riferimento per il nostro territorio con un +5 per cento. 
Molto interessanti i risultati dei flussi turistici provenienti dalla Cina (+25%), dalla Spagna (+15%) e dal Regno Unito con +5 per cento. La crescita maggiore in valori percentuali si registra nel settore extralberghiero (+6,6% pari a circa 290 mila pernottamenti) con valori positivi in tutte le tipologie di esercizio; positiva anche la perfomance del settore alberghiero (+3,9% pari a 340 mila pernottamenti), in particolar modo nelle strutture alberghiere a 4 e 5 stelle.
Positivi anche i dati relativi ai passeggeri arrivati all’aeroporto di Firenze: sulla base dei dati pubblicati da Assaeroporti i risultati relativi al periodo gennaio – novembre 2015 evidenziano un aumento dei passeggeri dell’8,8% arrivando a superare i 2,2milioni.
Secondo i dati di Banca d’Italia, nei primi 10 mesi del 2015 la spesa dei viaggiatori stranieri in arrivo in Italia che hanno visitato il territorio della città metropolitana è aumentata dell’8% superando i 2.240 milioni di euro. Sempre nel periodo in esame è cresciuta la spesa procapite giornaliera (da 124,0 a 131,3 euro) mentre la spesa procapite per viaggi è passata da 492,8 a 500,8 euro.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone