Sant’Orsola, ammessa domanda di valorizzazione

OrsolaDopo aver esaminato mercoledì mattina, in seduta pubblica, la documentazione integrativa richiesta dalla Città Metropolitana di Firenze in ordine alle referenze bancarie, è stata ammessa la domanda con l’offerta tecnica per la valorizzazione del complesso dell’ex convento di Sant’Orsola presentata dal costituendo Rti composto da: mandataria (Property Finance e Partners spa di Firenze) e mandanti (Almud Edizioni Musicale srl di Cascina, Sire spa di Firenze, Giulio Tanini spa di Firenze, Gervasi Spa di Firenze, Procogen srl di Impruneta, Gefat srl di Poggibonsi, Tanzini Quintilio e Figlio sas di Poggibonsi, Sant’Ilario srl di Poggibonsi, Bch srl di Firenze).
Verificata l’integrità della documentazione amministrativa si è potuto procedere anche all’apertura della busta con l’offerta tecnica, risultante composta, in tre copie, di: cd, relazione illustrativa, un allegato con gli approfondimenti progettuali particolarmente qualificanti e innovativi dal punto di vista del risparmio energetico e della sostenibilità ambientale; nove tavole di progetto, di cui una con planimetria generale, relative ai piani dell’ex convento di Sant’Orsola; una relazione illustrativa; la proposta di piano e programma per la valorizzazione e la gestione del complesso; il cronoprogramma; la documentazione per la certificazione di sostenibilità ambientale.
“Esaminati tutti i materiali – spiega Benedetta Albanese, consigliera delegata al Patrimonio – la documentazione, con l’offerta tecnica, è stata nuovamente sigillata. Sarà valutata in seduta riservata dall’apposita Commissione che verrà nominata, come previsto da legge, dal Responsabile unico del procedimento”.

MENU