Premio letterario Chianti, 30 anni di cultura, sette finalisti

premio-letterario-Chianti

Compie trenta anni il Premio Letterario Chianti, dedicato alla narrativa contemporanea con presentazione delle opere dei finalisti nei Comuni del Chianti. A dare valore particolare alla manifestazione, fin dalla prima edizione, è la presenza di una giuria popolare composta oggi da trecentocinquanta lettori, il cui giudizio si unisce a quello della giuria del Premio per decretare il vincitore finale.

Nato nel 1987 su iniziativa della rivista culturale Stazione di Posta, il Premio Letterario Chianti gode dal 2004 del riconoscimento di “Manifestazione inserita dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali tra quelle di Rilievo Nazionale in ambito al Progetto ‘Italia Pianeta Libri’” .

Il Premio conta sul patrocinio della Città Metropolitana di Firenze, della Provincia di Siena e dei Comuni di Greve in Chianti, capofila, Barberino Val d’Elsa, Tavarnelle, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Gaiole in Chianti, Impruneta, Radda in Chianti e San Casciano Val di Pesa. Decisivo il contributo della Coop di Greve in Chianti e del Rotary di San Casciano-Chianti, della Banca di Cambiano e della Società di mutuo soccorso Fratellanza di Greve in Chianti.

La prestigiosa rassegna letteraria è stata presentata martedì 14 febbraio in Palazzo Medici Riccardi da Paolo Codazzi, scrittore e ideatore del premio, dal consigliere delegato della Metrocittà Massimiliano Pescini a dall’assessore alla Pubblica istruzione di Greve Maria Grazia Esposito.

“Il traguardo dei 30 anni – hanno commentato Emiliano Fossi, consigliere delegato alla Cultura della Città Metropolitana di Firenze, e Pescini – dice non solo quanta strada è stata fatta da questo premio che coniuga cultura, paesaggio e partecipazione popolare, ma indica anche un altro modo di diffondere lettura e passione per i libri, oltre logiche troppo settoriali o di mercato”.

Da sempre, ha sottolineato Esposito, questa manifestazione ha la capacità di suscitare incontro e di promuovere cultura, con un coinvolgimento diretto delle persone e del territorio in senso largo, compresi paesaggio e arte.

“Quest’anno gli scrittori in gara sono sette, due in più rispetto ai cinque che hanno animato le precedenti edizioni – ha spiegato Paolo Codazzi – e i volumi, editi dal 1 gennaio 2015 al 30 giugno 2016, saranno presentati dal 18 febbraio al 6 maggio toccando diversi Comuni del Chianti”.

A chiudere la manifestazione sarà, come da tradizione, la premiazione finale in programma sabato 27 maggio alla Fattoria Castello di Verrazzano, nei pressi di Greve in Chianti.

La 30esima edizione del Premio Letterario Chianti vede in gara come finalisti sette scrittori selezionati dalla Giuria tecnica, che presenteranno i propri volumi, sottoponendosi alla valutazione della Giuria di lettori. I voti decideranno chi sarà il vincitore finale fra Giulio Perrone; Simona Lo Iacono; Marco Missiroli; Yigal Leykin; Gianluca Barbera; Patrizio Fiore e Marino Magliani.

Ad individuare i nomi dei finalisti il comitato tecnico coordinato da Giuseppe Panella e composto da Paolo Codazzi, Silvia Martelli, Cecilia Bordone, Emanuele Grazzini, Samuele Megli, Paolo Santagati, Andrea Pucci, Deborah Montagnani.

I sette volumi in gara animeranno il territorio coinvolto nel Premio Letterario Chianti con altrettanti incontri in programma dal 18 febbraio al 6 maggio, con inizio alle ore 17.
Il primo appuntamento è in programma sabato 18 febbraio a Greve in Chianti, presso la Fattoria Castello di Verrazzano, con il libro di Giulio Perrone “L’esatto contrario”, Rizzoli Editore. Sabato 25 febbraio il Cinema Teatro Buondelmonti di Impruneta ospiterà Simona Lo Iacono e il suo volume “Le Streghe di Lenzavacche”, E/O Editore, mentre sabato 11 marzo il Premio Letterario Chianti farà tappa per la prima volta a Castellina in Chianti, nella sala del Cinema Italia, con Marco Missiroli e il libro “Atti osceni in luogo privato”, Feltrinelli Editore.
Sabato 25 marzo sarà la volta di Yigal Leykin con il suo volume “Una vita qualunque”, Giuntina Editore, che sarà presentato al Teatro comunale Niccolini di San Casciano, mentre sabato 1 aprile la manifestazione sarà protagonista a Gaiole in Chianti, presso la Società Filarmonica, con Gianluca Barbera e “La truffa come una delle belle arti”, Compagnia Editoriale Aliberti.
Sabato 29 aprile il Teatro della Filarmonica G. Verdi di San Donato in Poggio ospiterà Patrizio Fiore con “Il ricamo mortale”, Tullio Pironti, mentre l’ultima presentazione si svolgerà sabato 6 maggio al Cinema comunale di Radda in Chianti, in compagnia di Marino Magliani e del suo volume “Carlos Paz e altre mitologie private”, Amos Edizioni.
Il Premio Letterario Chianti celebrerà il vincitore e tutti i finalisti sabato 27 maggio, ancora alle ore 17, nella cornice della Fattoria Castello di Verrazzano, con la consegna della riproduzione bronzea del dipinto “Allegoria del Chianti” di Giorgio Vasari, opera del maestro orafo Mauro Bandinelli.
Intanto l’associazione culturale ‘Stazione di Posta’ per celebrare la ricorrenza della 30 esima edizione del Premio Letterario Chianti ha programmato una serie di incontri sulla manifestazione celebrata e alla storia della rivista fiorentina ‘Stazione di Posta’, da una cui costola nacque il Premio Letterario Chianti. Ma oltre a questo, essendosi la rivista occupata di Etruscologia in alcuni numeri, sono stati promossi anche alcuni incontri su questo tema.

Segreteria: Biblioteca Comunale, Piazza Terra Madre, 50022 Greve in Chianti (Firenze)
Tel. 055.85.46.433, fax 055.85.44.395

Stazione di Posta: Via Brunelleschi 1, 50123 Firenze
Tel. 055.27.76.258 – www.stazionediposta.it

Biblioteche comunali dei Comuni Consorziati: Barberino Val d’Elsa, Castellina in Chianti, Gaiole in Chianti, Impruneta, Radda in Chianti, San Casciano Val di Pesa,
Tavarnelle, Castelnuovo Berardenga

Sito Web: www.premioletterariochianti.it

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone
MENU