‘Le vie di Dante tra Romagna e Toscana’. Arrivano i “cammini” per i 700 anni del Sommo Poeta

Città Metropolitana di Firenze e Comuni toscani romagnoli insieme per “Le Vie di Dante tra Romagna e Toscana”: un’offerta “dedicata agli itinerari culturali e naturali ispirati alla figura, alle opere, ai viaggi di Dante Alighieri nelle due regioni – spiega Tommaso Triberti, consigliere della Città Metropolitana di Firenze delegato al Turismo e Sindaco di Marradi – all’insegna del turismo slow per gli amanti del trekking, della bici e del viaggio in treno”.
Grazie a un accordo il cui testo, su proposta di Triberti, è stato approvato dal Consiglio della Città Metropolitana di Firenze e con la progressiva adesione di una serie di amministrazioni comunali fra Firenze, Ravenna, Forlì e Arezzo, si individueranno i cammini da mettere in rete e le modalità di percorrerli in vista del 2021, anno del settecentenario dantesco, ma soprattutto per promuovere e intercettare flussi turistici negli anni a venire, in particolare nelle aree interne.

I Comuni firmatari l’intesa, col sostegno e il coordinamento della Città Metropolitana che fungerà da capofila, avvieranno con gli operatori dei loro territori il lavoro di costruzione di un sistema di prodotti turistici declinati in itinerari percorribili a piedi o con altre forme di mobilità non motorizzata (bici, cavallo) e in percorsi effettuabili, almeno in parte, con modalità di trasporto motorizzato ma a limitato impatto ambientale come il treno sui binari della Faentina.
Con l’accordo i Comuni toscani si impegnano anche ad avviare l’iter di riconoscimento dei percorsi delle ‘Vie di Dante’ quali sentieri locali di interesse regionale da parte della Regione Toscana, passaggio necessario alla promozione dei prodotti turistici da parte dell’agenzia regionale Toscana Promozione Turistica nonché all’ottenimento di specifici finanziamenti regionali.
I settecento anni di Dante nel 2021 rappresentano un traguardo e al tempo stesso un punto di svolta e di partenza, anche per la grande risonanza mediatica delle celebrazioni e l’attenzione internazionale ad esse riservate. Ma c’è un’intuizione che va messa a frutto: la profonda crisi del turismo internazionale innescata dall’emergenza sanitaria da Covid 19, sottolinea Triberti, “ha nel turismo lento uno dei canali più interessanti per la ripresa economica a breve termine”. Va ricordato inoltre che lo stesso Ministero per i Beni e le Attività culturali ed il Turismo ha sollecitato un’iniziativa di coordinamento delle amministrazioni locali attraversate dai percorsi di Dante in vista del settecentenario.

Le “Vie di Dante tra Romagna e Toscana” passano lungo le valli appenniniche del Bidente, del Lamone, del Montone, del Rabbi, del Tramazzo, della Sieve, e ancora del Mugello e del Casentino, lungo il Valdarno superiore, sui rilievi dell’Appennino Tosco-Romagnolo e del Pratomagno.
> L’intesa coinvolge la Città Metropolitana di Firenze e i Comuni di Brisighella, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Dovàdola, Faenza, Forlì, Premilcuore, Portico San Benedetto, Ravenna, Santa Sofia, Tredozio in Romagna, e con loro Bagno a Ripoli, Fiesole, Firenze, Reggello, Rignano sull’Arno, Vaglia, Borgo San Lorenzo, Dicomano, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Pontassieve, San Godenzo, Scarperia e San Piero a Sieve nel territorio della Città Metropolitana e di Bibbiena, Castel Focognano, Castel San Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Ortignano, Raggiolo, Poppi, Pratovecchio, Stia, Subbiano e Talla in Casentino, quindi Arezzo e Capolona.
I Comuni toscani fanno parte di ambiti turistici territoriali costituiti come segue: Firenze e area fiorentina con capofila il Comune di Firenze; Mugello con capofila l’Unione dei Comuni del Mugello; Casentino con capofila il Comune di Pratovecchio-Stia; Arezzo con capofila il comune di Arezzo. Alcuni dei Comuni che aderiscono all’intesa (Castrocaro Terme e Terra del Sole, Dovàdola, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Portico San Benedetto, Premilcuore, Santa Sofia, Tredozio) hanno promosso e costituito una Associazione per la promozione turistica dei comuni della Romagna-Toscana.

La delibera illustrata in Consiglio da Tommaso Triberti è stata approvata all’unanimità dalle forze politiche. Il consigliere Enrico Carpini (Territori beni comuni) ha auspicato una “cornice adeguata di finanziamenti” e Paolo Gandola (FI nel Centrodestra) ha parlato di un “passo che va fatto anche in vista di sviluppi ulteriori, con il coinvolgimento di altri Comuni che hanno avuto la presenza di Dante”.

La firma ufficiale del protocollo da parte di tutti i Comuni e della Città Metropolitana sarà organizzata a breve a Palazzo Medici Riccardi.

MENU