Firenze, quando il Mugnone scorreva dove ora c’è Palazzo Medici Riccardi

Sopralluogo nel sottosuolo di Palazzo Medici Riccardi
Rinvenuti il letto del fiume, una sponda e altri reperti di valore. Sopralluogo del Sindaco Metropolitano Dario Nardella nel cantiere del percorso archeologico aperto per tre settimane ai visitatori

Palazzo Medici Riccardi non finisce di stupire. I tecnici sono a lavoro per la creazione di un percorso archeologico di circa 50 metri. I lavori sono a buon punto e il Sindaco metropolitano Dario Nardella, prima di rivolgere gli auguri ai dipendenti della Città Metropolitana di Firenze (vedi foto), ha visitato oggi il cantiere a cui si accede dal cortile dei Muli contiguo al Cortile di Michelozzo.
Sono stati riportati alla luce e sono visibili anche il letto su cui scorreva il Mugnone in epoca romana e una sponda del fiume. Rinvenuti anche la piattaforma di un forno, predisposto probabilmente anche per bruciarvi aromi, due pozzi di particolare valore architettonico e la stalla del Palazzo.E’ dal dicembre del 2004, dopo l’allestimento del Museo dei Marmi, che è stato avviato il recupero dei sotterranei, per un ulteriore ampliamento e qualificazione del percorso museale. E’ di quegli anni la riapertura dell’antica ‘Galleria delle Carrozze’ che, secondo l’intuizione di Giovanni Michelucci, giocherà un importante ruolo urbano collegando via Cavour a via dei Ginori.
Nell’ambito di interventi conseguenti a uno studio dell’associazione ‘Civita’, nel 2009 è stato approvato il progetto per l’esecuzione di un primo lotto di lavori relativo al recupero di alcuni locali del sotterraneo disposti intorno al “Cortile di Michelozzo” ed è nel corso di questo intervento, condotto tra l’altro da ‘B&P Archeologia’ che sono stati individuati nuovi ed importanti manufatti e reperti archeologici resi oggi visibili.Da lunedì 21 dicembre 2015 e fino al 25 gennaio 2016 il cantiere sarà accessibile per tre settimane ai turisti, con l’acquisto del biglietto per il percorso museale, grazie a visite guidate che avranno una durata di un’ora e saranno in tutto 24 con il seguente programma:lunedì 21 dicembre, 2 visite negli orari 11.00 e 12.00;
giovedì 24 dicembre, 3 visite negli orari 10.30, 11.30, 12.30;
sabato 26 dicembre, 2 visite negli orari 15.00 e 16.00;
lunedì 28 dicembre, 3 visite negli orari 10.30, 11.30, 12.30;
giovedì 31 dicembre, 2 visite negli orari 11.00 e 12.00;
venerdì 1 gennaio, 2 visite negli orari 15.00 e 16.00;
lunedì 4 gennaio, 2 visite negli orari 11.00 e 12.00;
mercoledì 6 gennaio, 3 visite negli orari 10.30, 11.30, 12.30;
venerdì 8 gennaio, 2 visite negli orari 11.00 e 12.00;
lunedì 11 gennaio, 2 visite negli orari 11.00 e 12.00;
lunedì 25 gennaio, 1 visita negli orari 11.00.

Scheda di approfondimento sugli scavi

MENU