Da Leonardo a Zeffirelli e Warhol, arriva a Firenze ‘Musiwa 19’

La decima edizione di Musiwa si coniuga a Weeks. In programma nel Museo Mediceo e nella Limonaia di Palazzo Medici Riccardi dall’8 giugno al 20 luglio 2019, Musiwa sarà inaugurata sabato 8 giugno, alle 11, alla presenza dei rappresentanti delle Istituzioni e con 40 artisti, tra pittpori e scultori, nella Galleria delle Carrozze.
A Firenze, dunque, la prestigiosa rappresentanza internazionale del design della pittura, della total art e del mosaico internazionale. Francesco Chimienti è l’Art director dell’iniziativa in collaborazione con Florence Week Design, Musiwa Mood International. L’iniziativa è patrocinata da Città Metropolitana di Firenze, Regione Toscana e Comune di Firenze.

Musiwa si propone anche quest’anno come coniugata al contemporaneo nel cuore di una grande città, accessibile a tutti, offrendo l’opportunità al pubblico di informarsi sulle varie tendenze artistiche in un’atmosfera informale, di convivio, d’incontro tra maestri del mosaico e artisti delle altre discipline visive, in maniera interattiva.
L’omaggio a Grandi Maestri sarà allestita in una sezione specifica dove saranno esposte opere di Franco Zeffirelli, Giuseppe Menozzi, Luca Alinari, Beppe Ciccia, le opere di Regina Shrecker e una sorpresa su Andy Warhol. Dalla Cina una qualificata presenza istituzionale e ad alto livello governativo de ChengDu e degli artisti delle sue accademie.
Ma ci sarà spazio anche per ‘Commemorando Leonardo’, in collaborazione con Consorzio di Bonifica 3 e Facolta di Architettura che hanno curato il restauro del Ponte di Ramajolo attribuito al genio.
Un incontro, dunque, con le nuove visioni, aperto a contaminate multimedialità, come dimostra la partecipazione di numerosi giovani validi artisti cinesi; uno scambio per superare le difficoltà di chi “guarda” e opera sulle vie di questa ricerca avendo però saldo il legame con il passato.
L’arte è contemporanea, spiega Chimienti, e ne “viene presentata la total, quella che può parlare alla nostra anima e dare un senso del proprio tempo, per superare la difficoltà di chi guarda alle vie di quest’arte, cercando una propria identità culturale. Non è una strategia d’indagine, una sponsorizzazione indiscriminata del nuovo o dell’attuale, ma un percorso che catalizza verso ciò che ci appartiene e che diverrà “passato” e tradizione”.

Musiwa Week permette l’incontro tra entità autonome, parti interessate nel mondo dell’arte, la creazione di una nuova sezione di visione con l’Arte Contemporanea il design e l’Essere Mosaico con il proprio carattere libero ed emancipato.

MENU