Cefalonia, “il dolore non va in prescrizione”. Confronto a Firenze lunedì 8 luglio

La copertina de 'L'ultima battaglia per la Divisione Acqui'Un altro libro su Cefalonia? Le terribili vicende che si sono svolte sull’isola greca a partire dall’8 settembre 1943, sono state l’argomento di oltre duecento fra diari di reduci o loro familiari, ricostruzioni storiche e quanto altro. Ma “L’ultima battaglia per la Divisione Acqui”, pubblicato da Edizioni Medicea, testimonia già dal titolo di essere un libro diverso.
Come spiega anche il sottotitolo “Cefalonia, alla ricerca di una memoria condivisa”, perchè il filo conduttore di questo nuovo testo, a cura dei gornalisti Luigi Caroppo e Pierandrea Vanni, è quello di andare al di là delle polemiche e delle contrapposizioni che segnano da sempre le numerose interpretazioni di quanto accaduto sull’isola e di contribuire ad una memoria veramente condivisa.

“Il dolore non va in prescrizione” afferma con forza nel libro il Procuratore Militare Generale Marco De Paolis, e allora l’obiettivo della memoria condivisa guarda all’ottantesimo anniversario di Cefalonia, che cadrà nel 2023. Nella convinzione che solo così si può rendere pienamente giustizia morale e onore alla Divisione Acqui tutta.

Il libro, edito da Edizioni Medicea Firenze, che grazie anche a contributi qualificati e ad una documentazione in parte poco conosciuta se non inedita proveniente dagli Archivi dello Stato Maggiore dell’Esercito, verrà presentato lunedì 8 luglio alle ore 17.30, nella Sala Pistelli di Palazzo Medici Riccardi, sede della Città Metropolitana di Firenze, con la partecipazione di:

Marco De Paolis
Procuratore Generale Militare presso la Corte Militare di Appello

Gen. Fulvio Poli
Capo Ufficio Generale Promozione Pubblicistica e Storia Stato Maggiore dell’Esercito

Tiziano Zanisi
Associazione Nazionale Divisione Acqui

Saranno presenti i curatori.

MENU