Percorso pedonale di collegamento ANPIL Montececeri ed ANPIL Torrente Terzolle

Percorso pedonale di collegamento ANPIL Montececeri ed ANPIL Torrente Terzolle

Il percorso parte dalla piazza di Fiesole e permette di unire l’ANPIL di Montececeri con l’ANPIL del Torrente Terzolle

Percorso pedonale di collegamento ANPIL Montececeri ed ANPIL Torrente Terzolle

Esplora la mappa

Percorso: Fiesole (ANPIL Montececeri) – Via S. Anna – Pian del Mugnone – Villa Bellini – Villa Il Prato – Trespiano – ANPIL Torrente Terzolle.

Scarica il sentiero in pdf!

Descrizione: Il tragitto si snoda attraverso boschi e coltivi tra splendidi scorci della Valle del Mugnone, del Monte Fanna e di Fiesole e Borgunto, passando in mezzo ad antiche ville padronali e suggestive case coloniche. Dalla piazza di Fiesole si scende svoltando a sinistra davanti all’ingresso del teatro Romano, in direzione di Pian del Mugnone. Superato il primo tornante a destra si imbocca a sinistra Via Sant’Anna che scende verso Pian del Mugnone, prima attraverso un ripido sentiero con scalini di legno e, nella parte finale superata la ferrovia, su percorso asfaltato. Giunti sulla SR 302 “Brisighellese-Ravennate”, detta comunemente Faentina, si svolta a destra e si attraversa il paese di Pian del Mugnone.

Alla fine del paese si imbocca a sinistra il sentiero che scende verso il torrente e si segue il percorso pedonale che porta a Caldine. Poco dopo il ponte pedonale sul torrente Mugnone, si devia a sinistra, seguendo la strada bianca che sale verso Villa Bellini. Poco prima di arrivare alla Villa, in prossimità di una curva, si devia a sinistra nel bosco lungo uno stradello ben percorribile che in pochi minuti porta fino a Villa il Prato. Da qui si segue la strada bianca in salita fino ad arrivare a Trespiano. Da Trespiano è possibile accedere all’ANPIL del Torrente Terzolle e collegarsi con i sentieri che permettono di visitarla.

Download

Scarica il file con le impostazioni GPS per il navigatore o per il tuo smartphone! (*)

tracciatoGpxFile
* Importante: per scaricare il file GPS bisogna cliccare con il tasto destro del mouse e selezionare l’opzione “salva oggetto con nome” o “salva link con nome”. Successivamente il file sarà utilizzabile sul proprio dispositivo.

Scheda tabellare del sentiero

Lunghezza (m) 4000
Tempo di percorrenza Andata: 01:45 / Ritorno: 01:45
Accesso Altro
Valore del sentiero interesse prevalentemente panoramico
Livello di difficoltà privo di difficoltà tecniche
Adatto/non adatto ai bambini Non adatto a bambini ed anziani
Accessibile/non accessibile a persone disabili Non accessibile a disabili
Descrizione dei singoli punti di interesse storico, naturalistico, architettonico, paesaggistico / panoramico Tra i punti d’interesse non molto lontani segnaliamo il museo Storico Museo Bandini.

La collezione del canonico Angelo Maria Bandini arricchì Fiesole di un eccezionale patrimonio di opere d’arte comprendente, oltre a un piccolo nucleo di opere bizantine, dipinti dal Duecento al Quattrocento e sculture in terracotta invetriata policroma della bottega dei Della Robbia. La nascita di un vero e proprio Museo, costruito appositamente e inaugurato nel 1913, costituì il riconoscimento dell’importanza della collezione di questo personaggio che, nato proprio a Fiesole nel 1726, dopo viaggi in Europa e in Italia, fu bibliotecario della Biblioteca Marucelliana e poi della Biblioteca Laurenziana, della quale curò il monumentale catalogo dei codici greci, latini e italiani. Fu membro di numerose accademie e si ritirò poi a Fiesole, nella chiesetta di Sant’Ansano, dove morì nel 1803 lasciando la sua collezione al Vescovo e al Capitolo di Fiesole.

Museo Bandini, via Duprè 1,

aperto il venerdì, sabato e domenica con orario:
– gennaio – febbraio 10.00 – 17.00
– marzo 10.00 – 18.00
– aprile 10.00 – 19.00

Si può visitare anche l’Area Archeologica di Fiesole:vasta circa tre ettari, di forma irregolarmente triangolare, delimitata sul lato nord dalle mura etrusche, racchiude, al suo interno, il teatro romano (I sec. d.C.), un’area sacra con un tempio etrusco (IV sec. a.C.) sopra il quale fu poi ricostruito,  a partire dal I sec. a.C., dopo la conquista della città, quello romano e le terme, anch’esse del primo periodo imperiale.

In epoca longobarda, tra il VI e il VII secolo d.C., tutta la zona fu occupata da un esteso cimitero.

Orario di apertura:

– gennaio – febbraio 10.00 – 14.00, chiuso il martedì
– marzo 10.00-18.00
– aprile-settembre 10.00-19.00
– ottobre 10.00-18.00
– novembre-dicembre 10.00-14.00 chiuso il martedì.

Mezzi di percorribilità solo a piedi
Fondo del tracciato Artificiale
Ambiente prevalente nel quale si sviluppa il sentiero (bosco, macchia, terreno…) coltivo
Percorribilità del sentiero transitabile
Esposizione prevalente del sentiero nessuna
Morfologia prevalente del paesaggio su cui si sviluppa il sentiero misto
Qualità della segnalazione del sentiero buona
Dislivello totale andata (m) 165
Dislivello totale ritorno (m) 205
Nome località di partenza Piazza Mino da Fiesole, Fiesole
Nome località di arrivo Trespiano
Quota di partenza (m) 300
Quota di arrivo (m) 265
Segnavia (elemento alfanumerico o di altro tipo che caratterizza il sentiero) non segnalato

Ultimo aggiornamento 17/03/14

MENU