Sentiero CAI 2NA

Sentiero CAI 2NA

Porzione del Sentiero CAI n. 2 della area CAI Toscana n. 18 (Firenze), settore 8 – Colline fiorentine a nord dell’Arno.

Sentiero CAI 2NA

Esplora la mappa

Questo tratto attraversa l’area protetta Torrente Mensola, da Ponte a Mensola sino a Case al Vento, dove incrocia il sentiero CAI n. 1.

Scarica il sentiero in pdf!

Il sentiero CAI n. 2 continua fino al Santuario della Madonna del Sasso, nella ANPIL Santa Brigida – Poggio Ripaghera – Valle dell’Inferno. Il tratto da Case al Vento fino al Santuario è descritto separatamente, con il nome “Percorso pedonale di collegamento tra la ANPIL Torrente Mensola e la ANPIL Santa Brigida”.

Download

Scarica il file con le impostazioni GPS per il navigatore o per il tuo smartphone! (*)

tracciatoGpxFile
* Importante: per scaricare il file GPS bisogna cliccare con il tasto destro del mouse e selezionare l’opzione “salva oggetto con nome” o “salva link con nome”. Successivamente il file sarà utilizzabile sul proprio dispositivo.

Scheda tabellare del sentiero

Lunghezza (m) 2000
Tempo di percorrenza Andata: 01:30 / Ritorno: 00:30
Accesso Sentiero CAI
Valore del sentiero interesse prevalentemente panoramico
Livello di difficoltà privo di difficoltà tecniche
Adatto/non adatto ai bambini Parzialmente adatto a bambini ed anziani
Accessibile/non accessibile a persone disabili Parzialmente accessibile a disabili
Descrizione dei singoli punti di interesse storico, naturalistico, architettonico, paesaggistico / panoramico Tra i punti d’interesse segnaliamo:

Casa Boccaccio (Casa del “Buon Riposo”): costituita da una casa colonica con podere chiamato « Buon Riposo ». Dell’antica casa da contadino non esistono più tracce; troppe trasformazioni sono avvenute nel tempo. Comunque, sebbene manchi la possibilità di una individuazione sicura, la tradizione indica proprio in quel sito l’esistenza della proprietà Boccaccio, più tardi ceduta (nel 1336) a certo Niccolò di Vegna, come risulta da un atto di vendita conservato nell’archivio della Chiesa di S. Martino a Mensola. Al momento della vendita, Giovanni Boccaccio aveva 23 anni e già da nove si trovava fuori da Firenze, ospite presso la corte di Napoli, della Regina Giovanna e del Re Roberto d’Angiò. Ma indubbiamente in lui restò sempre impresso il suggestivo e sereno paesaggio che circondava l’antica casa di Corbignano, descrivendolo in seguito con tanta ricchezza di particolari, da fare ritenere che a Poggio Gherardo o a Corbignano si fosse realmente soffermata, durante la peste di Firenze del 1348, l’allegra brigata dei novellieri del suo Decamerone. Cosa questa che più tardi lo stesso Boccaccio smentì.

Casa al Vento:

antico casolare con armonioso coronamento seicentesco; è stato restaurato recentemente conservando l’aspetto di casa da signore. Sopra il portone, con notevole ricercatezza di stile, Sir John Temple Leader fece apporre il proprio stemma, come in molte altre case coloniche o ville di sua proprietà.

Mezzi di percorribilità solo a piedi
Fondo del tracciato Misto
Ambiente prevalente nel quale si sviluppa il sentiero (bosco, macchia, terreno…) coltivo
Percorribilità del sentiero transitabile
Esposizione prevalente del sentiero sud-ovest
Morfologia prevalente del paesaggio su cui si sviluppa il sentiero pendice
Qualità della segnalazione del sentiero buona
Dislivello totale andata (m) 260
Dislivello totale ritorno (m) 10
Nome località di partenza Ponte a Mensola
Nome località di arrivo Case al vento
Quota di partenza (m) 74
Quota di arrivo (m) 249
Segnavia (elemento alfanumerico o di altro tipo che caratterizza il sentiero) 2NA

Ultimo aggiornamento 17/03/14