Alta Valle del Torrente Carfalo

  1. Home
  2. /
  3. Aree protette e sentieri...
  4. /
  5. Alta Valle del Torrente...

Alta Valle del Torrente Carfalo

L’area protetta racchiude il territorio della alta valle del torrente Carfalo, a Sud del comune di Montaione, per una superficie complessiva di 222.57 ettari. L’alta valle del Carfalo confina a destra, da nord a sud, con via Tonda, via Cerroni e via Tre Ponti e a sinistra da sud a nord, da via Cappella del Lupo, via Casiscala e via comunale Legoli. Prevalentemente boscata, l’area fa parte di un territorio ad elevato valore storico e paesistico, nonché turistico; nelle sua vicinanze troviamo i nuclei di San Vivaldo, la Sughera, Castellare di Tonda e Castelfalfi.

Scarica la scheda dell’area in pdf!

alta valle torrente carfalo

Esplora la mappa   Vai alla Photogallery

Importante: per scaricare il file GPS bisogna cliccare con il tasto destro del mouse e selezionare l’opzione “salva oggetto con nome” o “salva link con nome”. Successivamente il file sarà utilizzabile sul proprio dispositivo.

Sentieri

Caratteristiche dell’area

Comuni interessati Montaione
Descrizione delle caratteristiche naturalistiche-ambientali L’area protetta si estende nei due versanti dell’alta valle del torrente Carfalo per una lunghezza idrografica di quasi tre km. Nel tratto protetto, la valle si presenta stretta e acclive, scavata dal torrente che scorre da Sud Est a Nord Ovest. Il suo punto più alto è a quota 380 m. s.l.m. e la zona protetta scende fino a 260 m. s.l.m. Tra le particolarità dell’area, ricoperta di boschi, l’habitat naturale d’importanza regionale e comunitaria costituita dai “Faggeti degli Appennini con Ilex e Taxus” e esemplari pregevoli di tasso.
Descrizione delle caratteristiche storico- territoriali Il Comune di Montaione ha istituito l’area protetta nel 2007, dotandosi in tempi brevi di un Regolamento di gestione.

All’interno dell’area protetta è stata realizzata una rete sentieristica progettata in modo da ottimizzare il rapporto fra fruizione e conservazione dell’area. In questa rete sono inclusi i sentieri esistenti del CAI, le piste forestali ed i tratturi. La lunghezza complessiva degli itinerari è di circa 50 km, con 10 punti di accesso.

Nella zona era già stato istituito il Parco dell’Aglione, dove sono stati rinvenuti resti di una tomba etrusca, di fornaci romane e di ruderi medioevali.

Geologia Nell’area protetta affiorano principalmente sabbie trasgressive del ciclo sedimentario del Pilocene medio-inferiore. Sono presenti anche affioramenti del substrato alloctono ligure rappresentati da ofioliti (sezioni di crosta oceanica).

Si trovano inoltre due geotipi di particolare interesse geomorfologico:

  • le anse scavate dal torrente Carfalo, nella zona di Nord Est
  • la cascatella sul torrente Carfalo, che si trova nel punto in cui il torrente incrocia il sentiero che da Via Cerroni giunge a Cappella del Lupo.

L’area è mappata nella Carta Geologica della Toscana 1:10.000, sezioni:

Flora e vegetazione Lungo la parte bassa del versante Nord Est della valle si trova la faggeta costituita da ai “Faggeti degli Appennini con Ilex e Taxus” mista a cerro, castagno e carpino bianco, classificata come habitat prioritario ai sensi d
Fauna La principale emergenza faunistica è la salamandrina dagli occhiali (salamandrina perspicillata, Salvi 1821), una specie di anfibi protetta dalla Comunità Europea e dalle norme regionali.

La salamandrina dagli occhiali ha una macchia bianco-crema a forma di “8” orizzontale posta sul capo tra gli occhi, da cui deriva il suo nome comune. Frequenta ambienti forestali collinari e montani, dove si rinviene nelle vicinanze di piccoli corsi di torrenti dal fondo roccioso, come appunto il Carfalo, dove deposita la uova. Escludendo il periodo riproduttivo, la salamandrina ha abitudini prevalentemente notturne o crepuscolari.

Nell’area protetta viene anche segnalata la presenza costante del lupo.

Curiosità e Leggende
Links

Informazioni sull’area si trovano su

Informazioni sulla salamandrina dagli occhiali:

Informazioni sulla faggeta:

Guide, letture consigliate e cartografia

Letture sulla salamandrina dagli occhiali:

Documenti storici:

La cartografia sentieristica dell’area protetta è in corso di realizzazione.

Per informazioni in merito contattare l’Ufficio Informazioni turistiche del Comune di Montaione: Via Cresci, 17 – tel.  0571 699255

Punti di accesso

L’area protetta è accessibile da 13 ingressi situati lungo le strade con cui confina.

In corrispondenza di ogni accesso è stata collocata una bacheca con materiale informativo sull’area protetta ed i suoi percorsi.

Sentieri presenti nell’area

Nell’area protetta è presente una rete escursionistica che consente di passeggiare su entrambi i versanti della valle, arrivando fino alla sorgente del torrente Carfalo.

Lungo la valle sono stati realizzati anche cinque sentieri naturalistico-didattici, accessibili dalla rete escursionistica e attrezzati con bacheche e pannelli didattici, per ammirare punti di particolare valore naturalistico. In particolare

  • Sentiero del bosco amenoè un percorso breve che s’inoltra, attraverso un saliscendi piacevole, lungo un lembo di bosco in cui si apprezzano alcuni tratti di foresta ben conservata.
  • Sentiero del tasso monumentale: percorso ad anello che raggiunge l’abisso in cui si situa il tasso monumentale spontaneo più grande della Toscana
  • Sentiero dell’isoipsatratto che prende il nome dall’essere quasi completamente pianeggiante, seguendo la linea di livello e attraversando un bosco alto di cerri maestosi
  • Sentiero delle anse-acqua gassata:
    sentiero ad alta valenza paesaggistica che attraversa un tratto di torrente che s’incassa fra rupi di sabbia alte più di venti metri fino ad arrivare all’antica sorgente dell’acqua gassata, nel profondo della valle
  • Sentiero didatticopercorso ad anello che attraversa uno dei lembi di faggeta meglio conservati dove sono stati apposti, grazie a un progetto di educazione ambientale con la scuola di Montaione, pannelli e bacheche informative, realizzate dai ragazzi
Info e contatti

Per informazioni sull’area

  • Sito del Comune di Montaione: www.comune.montaione.fi.it
  • Ufficio Informazioni turistiche del Comune di Montaione: Via Cresci, 17 – tel.  0571 699255

Associazioni operanti sul territorio

SCARICA IL REGOLAMENTO DELL’AREA PROTETTA

Ultimo aggiornamento 17/03/14